quarta gamma IV gamma 4 gamma

L’agricoltura italiana

L’agricoltura italiana è uno dei settori economici più importanti del nostro paese, con milioni di persone occupate. Nella varia classificazione delle tipologie di settori, in ambito agricolo vi sono i prodotti definiti di quarta gamma.

Sono prodotti di IV gamma le verdure e gli ortofrutticoli freschi che sono sottoposti a processi tecnologici di minima entità finalizzati a garantirne la sicurezza igienica e la valorizzazione, seguendo le buone pratiche di lavorazione. Pertanto, si definiscono prodotti ortofrutticoli di IV gamma la frutta, la verdura e, in generale, gli ortaggi freschi, a elevato contenuto di servizio, confezionati e pronti per il consumo.

Nella definizione di prodotti freschi confezionati e pronti per il consumo rientrano non soltanto le insalate in busta e la frutta di quarta gamma pronte a essere immediatamente consumate, ma anche i prodotti ortofrutticoli pronti per essere utilizzati nella preparazione di alimenti da cuocere, ad esempio delle verdure già confezionate per la preparazione di minestre.

L’offerta di verdure, frutta e ortaggi è articolata in cinque gamme, distinte sulla base delle tecnologie e dei processi di lavorazione applicati al prodotto dal momento della raccolta alla messa in vendita al consumatore finale.

Il processo di produzione e conservazione delle insalate, degli ortaggi e della frutta di IV gamma, partendo dal campo fino alla tavola dei consumatori, si articola in cinque fasi: la selezione delle materie prime, la cernita delle stesse, la mondatura e taglio, il lavaggio ed infine l’asciugatura e confezionamento. Per la produzione della IV gamma è indispensabile la massima accuratezza nel trattamento delle materie prime di base e l’utilizzo di alti livelli di tecnologia lungo tutta la filiera produttiva.

Da anni ormai l’Industria di 4 gamma e le aziende agricole produttrici di materie prime seguono per la quasi totalità disciplinari di produzione integrata, scegliendo le più idonee tipologie di materie prime, limitando fortemente l’utilizzo di fitofarmaci in campo o in serra, con conseguente riduzione dei residui di pesticidi ben al di sotto delle soglie consentite per la produzione tradizionale. Le materie prime una volta giunte nello stabilimento di produzione sono poste in celle di stoccaggio, con temperature non superiori a 6°C, sufficientemente dimensionate per quantità e tempi di permanenza. La frutta e verdura di IV gamma viene quindi sottoposti a un doppio lavaggio industriale e a un trattamento di decontaminazione che ne garantisce la sicurezza igienica.