Progettazione e Realizzazione Giardini: Come progettare e realizzare un giardino

La bella stagione è ormai arrivata e, con il risveglio della natura, molte persone sentono il desiderio forte di cambiare qualcosa nella propria vita oppure nella propria casa. Alcune si accontentano di rinnovare i mobili oppure soltanto la biancheria da letto, ma chi ha la fortuna di avere un pezzo di terreno attorno alla propria abitazione, in genere con l’inizio della primavera si chiede cosa potrà fare per sfruttarlo o per trasformarlo in uno spazio accogliente e in cui trascorrere delle ore in solitudine a pensare oppure dei momenti di svago con la famiglia.

C’è chi, senza pensarci due volte, decide di installarci una piscina per l’estate, chi invece di realizzarci un orto, e ancora chi si vede già sotto un ombrellone o una tenda da sole mentre sorseggia un cocktail con gli amici o si gode una grigliata con i vicini di casa, ma che non sa come fare per far sì che il suo sogno diventi realtà.
Se vi siete riconosciuti nella descrizione di questa terza persona, avete mai preso in considerazione l’idea di progettare e di realizzare un giardino?

Progettare un giardino può rivelarsi un’esperienza molto stimolante per chi ha già il pollice verde oppure è abituato a curare i fiori o altre piante durante l’anno, ma può diventare invece un’impresa impossibile per i principianti o per chi non ha mai preso un rastrello oppure una pala in mano. Alcune persone, per togliersi il chiodo fisso, scelgono di affidarsi ad un team di professionisti di architettura giardini per realizzare il proprio giardino, ma non tutti possono farlo perché questa decisione comporta anche un investimento economico non da poco.
Se però avete molta pazienza, gli errori non vi fanno paura e avete tempo per sperimentare nuovi accostamenti di fiori o di piante, ecco qualche consiglio su come progettare e realizzare un giardino da soli passo a passo.

La prima cosa che dovrete fare è armarvi di un foglio bianco, di una matita, di un righello e di una gomma, poi disegnare la bozza del vostro futuro giardino. Per farlo non è necessario essere bravi a disegnare o a dipingere, perché vi basterà fare un abbozzo della vostra casa dall’alto e dello spazio circostante.  Ricordatevi di disegnare sul foglio non solo lo spazio destinato al manto erboso, ma anche quelli in cui ci saranno le aiuole, l’orto e, ovviamente se previsto dal progetto, lo spazio per un mini parco giochi per i bambini e quello in cui invece costruirete il recinto del cane.

Si tratta di un’operazione in apparenza inutile e scontata, ma in realtà, soprattutto se non siete esperti, lo schizzo si rivelerà una guida preziosa e che potrete guardare nel caso in cui avrete dubbi sulla posizione di un’aiuola, del mini parco giochi o di un elemento decorativo che avete deciso di mettere nel vostro giardino. Una volta finito lo schizzo, fate un primo giro di perlustrazione dello spazio che avete intorno alla casa per vedere quali sono gli interventi più urgenti e le aree che dovrete bonificare da piante infestanti, erbe e radici. Prendete quindi una pala, un piccole e una sega a mano, poi cominciate a preparare il terreno, dissodandolo e tagliando le radici più grandi con la sega.

Se nel vostro progetto sono previste delle aiuole e non solo il manto erboso, dopo aver terminato di preparare il terreno, delimitate le aree che accoglieranno i fiori, gli arbusti oppure le piante con dei sassi. Prestate inoltre attenzione al tipo di terreno presente all’interno di ogni aiuola: se avete intenzione di piantare delle specie vegetali che richiedono un terreno sabbioso oppure umido, come i frutti di bosco oppure le piante aromatiche, non dimenticare di aggiungere al terreno un po’ di sabbia, di concime oppure di torba.

Una volta preparate anche gli spazi che accoglieranno i vostri fiori o le vostre erbe aromatiche, il passo successivo sarà quello di recarsi presso un centro di giardinaggio o un vivaio a scegliere i semi che formeranno il manto erboso. Se è la prima volta che vi cimentate con l’impresa di far crescere e di curare un prato, chiedete la consulenza del giardiniere oppure del vivaista presente in negozio. In questo modo potrete ottenere consigli preziosi su quali sono le combinazioni ideali di semi per ottenere un prato morbido e che non presenti zone in cui si intravede in modo chiaro la terra.

La miscela di semi che vi fornirà l’esperto dovrà essere irrigata e curata in modo costante fino a quando non crescerà l’erba e dovrà essere annaffiata regolarmente anche dopo. Se però non volete aspettare troppo tempo oppure avete iniziato tardi a progettare il vostro giardino, in alternativa potete acquistare dei tappeti di prato già pronti e che non dovrete far altro che srotolare sul terreno. Sistemata la parte relativa al manto erboso, il passo successivo sarà quello di progettare le aiuole. Anche in questo caso la scelta dei semi non va trascurata, perché dovrete fare attenzione agli accostamenti di colore, all’ambiente circostante e anche all’uso futuro che farete del vostro giardino.

Ci sono piante, come le calle, che sono molto belle e che rendono subito un giardino molto elegante, ma se avete un cane che ama scavare buche oppure dei bambini molto piccoli, potreste trovarvi costretti a dover ripiantare tutto più di una volta! Altre invece, come le margherite oppure i tagetes, sono molto più resistenti e, se calpestate, in genere tendono a rifiorire dopo poco tempo, quindi non dovrete preoccuparvi di risistemare tutti i giorni le aiuole.

Se siete amanti del design o intendete realizzare un giardino con uno stile particolare, prima di iniziare a progettare il prato e a piantare i fiori, dovrete prendervi un po’ di tempo per vedere se il giardino che avete in mente può essere realizzato e anche pensare a quali elementi decorativi dovrete acquistare. Il giardino zen, per esempio, è molto rilassante e rinvigorisce subito la vista con le sue cascate, gli stagni e l’atmosfera riposante, ma dovrete assicurarvi di avere spazio a sufficienza e anche un posto in cui posizionare un impianto per tenere l’acqua in movimento di modo che non ristagni. Come afferma la ditta Spazio Verde, esperta nella progettazione e realizzazione di giardini è più facile da realizzare e adatto a tutti gli spazi, anche a quelli più piccoli, è invece il giardino all’inglese, dove i fiori sono alternati da elementi come cespugli, grotte artificiali, alberi, fiumi, sassi e rovine. Se invece vi piace la geometria, potete cimentarvi anche con quello all’italiana, dove le aiuole sono disposte in modo tale da formare cerchi, quadrati, rettangoli e altre figure.